lunedì 11 giugno 2012

L'antica strada Valeriana


Circa un paio di settimane fa o poco più, insieme a mia sorella Nadia e accompagnate dai nostri fedeli amici a quattro zampe Smilla e Ivano, abbiamo deciso di intraprendere questo interessantissimo cammino.
Non sono riuscita  a trovare un'origine certa di questa antica via che pare collegasse Brescia alla Valle Camonica fin dall'epoca romana, anche l'origine del nome è incerto, è probabile però che derivi dalla storpiatura dell'aggettivo valligiana, resta il fatto che per lungo tempo fu l'unico collegamento con la Val Camonica.
Il tracciato di cui racconto, che parte da Pilzone (una frazione di Iseo) e giunge a Pisogne e si snoda nell'entroterra del Sebino orientale, è un viaggio suggestivo, un cammino di 24,5 Km che viene anche citato come itinerario di devozione, infatti il percorso è caratterizzato dalle presenza di numerose chiesette, eremi, cappelle, che accompagnavano e accompagnano ancora il viandante nel suo viaggio.
Durante questo percorso si è sempre accompagnati dalla vista spettacolare del lago d'Iseo e dei monti circostanti: un viaggio immersi nella natura!
L'antica strada Valeriana è caratterizzata sopratutto da sentieri, mulattiere e brevi tratti su strada ed il percorso è segnalato da una V gialla e marrone.




Da Pilzone fino a Marone il sentiero è facilmente percorribile e si snoda attraverso antichi borghi rurali poi, verso Masenzano (località a monte di Sale Marasino) il sentiero si inerpica, fino a raggiungere la Croce di Zone.


Un cammino dunque vario, tra la vegetazione mediterranea con ulivi, viti e fichi, poi attraverso boschi di faggio e abete rosso, tra castagni secolari, abeti e agrifogli sulle pendici del monte Guglielmo, sospesi tra il fascino della riviera e la bellezza degli antichi borghi.


Forse perché in un giorno infrasettimanale oppure perché poco conosciuto, non abbiamo incontrato viandanti, ma parecchie persone dei luoghi disponibili a darci indicazioni del percorso laddove la segnaletica era carente, anche se, nonostante le indicazioni, abbiamo allungato il percorso di quattro km... poco male, abbiamo comunque impiegato meno del tempo previsto!!!


Lascio dunque alle immagini, il racconto di questo cammino...



Inizio del cammino: Ivano è sempre in testa!






Il lago tranquillo ci accompagna...


Ognuno cammina alla propria velocità...






Roccia
Le "Piramidi di Zone", la Riserva regionale delle piramidi di erosione che prendono il nome dalla particolare forma acquisita dal deposito morenico di sabbia, massi e ciottoli; lingue di roccia con massi adagiati sulla sommità.





Smilla, nonostante l'età, non cede il passo...

Ancora Smilla e Ivano nei boschi







Vista del fiume Oglio che entra nel lago d'Iseo

Da attraversare a piedi nudi... che sollievo!



Verso la fine del cammino... arriviamo a Pisogne
Ultima tappa, qualcosa da mettere sotto i denti, sedute ad un bar in riva al lago... con il cielo che non promette nulla di buono!
Stanchi? Il cammino finisce qui,  grazie per la pazienza... spero che queste immagini rendano l'idea di questo bel percorso, a presto!

19 commenti:

  1. Che immagini splendide ci hai postato! Che serenità, che tranquillità e che bellezza!! Non ci sono mai stata ma fai venire voglia di farci una bella gita. Le tue foto sono fantastiche!
    P.S. Che il nome derivi da uno dei nostri imperatori? Un Valerio e un Valeriano ce lo abbiamo avuto!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pare proprio che non non abbia un'origine così nobile... anche se sarebbe stato sicuramente più interessante!!!
      Grazie Elly!

      Elimina
  2. Grazie alle tue fotografie ho fatto un bellissimo cammino! brava! buona serata...ciao

    RispondiElimina
  3. Però che bel luogo davvero scorci mozzafiato....
    anche se alla fine avevo la lingua fuori
    bacio
    Mari

    RispondiElimina
  4. Mi hai fatto venire nostalgia di tanti anni fa, quando, il sabato o la domenica erano dedicati alle escursioni sulle montagne lombarde, lungo sentieri e mulattiere, fino a piccoli nuclei di baite o laghetti nascosti...poi la vita ci ha portato lungo altri sentieri, meno piacevoli e forse più impegnativi, ma l'amore per la montagna è rimasto,anche se le escursioni più lunghe sono limitate alle vacanze.
    Non conosco la tua zona le nostre mete erano soprattutto Valtellina , Valchiavenna e le loro laterali... e mi fai venire voglia di esplorarla
    Claudette

    RispondiElimina
  5. Chissà quanto avrai anche tu da raccontare... è vero, la vita a volte ci porta verso altri sentieri...

    RispondiElimina
  6. Grazie veramente grazie di queste fantastiche immagini di un percorso del quale non sapevo nulla, complimenti e grazie della segnalazione

    RispondiElimina
  7. Le tue foto rendono perfettamente la bellezza del posto! Non ti nego che passerei volentieri una settimana in quei luoghi così belli e sereni! Un bacio

    RispondiElimina
  8. posti incantevoli complimenti foto meravigliose

    RispondiElimina
  9. ciao,ma quanto sono belli i vostri cani,adorabili ;-)
    Foto stupende e post davvero interessantissimo,sicuramente da visitare,grazie mille per l'informazione,spesso non ci rendiamo conto che la nostra Italia è piena di luoghi fantastici e preferiamo fare le vacanze all'estero,quando invece c'è tanto da scoprire da noi.
    A pretso ;-)

    RispondiElimina
  10. che splendido posto... la natura è davvero fantastica, riesce sempre a stupirci. Un bacio.

    RispondiElimina
  11. Molto bello, anch'io adoro questo genere di passeggiate...

    RispondiElimina
  12. Bellissimi posti, la mia passione, interrotta bruscamente 3 anni fà, ma riprendero presto a farmi di queste passeggiate.

    RispondiElimina
  13. un gran bel contesto molto piacevole per fare una passeggiata nella natura ma anche nella staria

    RispondiElimina
  14. Bellissima questa passeggiata con te!

    RispondiElimina
  15. Grazie del fantastico reportage!!! Un abbraccio

    RispondiElimina
  16. Luoghi meravigliosi! Foto bellissime!
    Complimenti! :)

    RispondiElimina